Armi da Tiro ed il Corpo a Corpo

Per utilizzare efficientemente una qualsiasi arma da tiro occorre trovarsi fuori da una qualsiasi situazione di melee, ciò in quanto le armi da tiro sono armi di precisione che richiedono una certa concentrazione per essere utilizzate. In particolare occorre che chi utilizza un'arma da tiro non sia attaccato in corpo a corpo da una qualsiasi creatura. In alcuni casi, però, una creatura può decidere di utilizzare un'arma da tiro su un avversario che si trova in corpo a corpo oppure su un avversario distante ma mentre si trova in corpo con altri avversari. In questi casi, se chi intende utilizzare un'arma da tiro risulti attaccato in corpo a corpo prima di aver effettuato il suo tiro (indipendentemente dal risultato di detti attacchi), costui riceverà una penalità di -4 al tiro per colpire (-2 se si utilizza una balestra da mano o una pistola a pietra focaia) ed una possibilità di fallimento critico dell'attacco aumentata di due punti (un punto se si utilizza una balestra da mano o una pistola a pietra focaia) su tutti i suoi successivi attacchi con armi da tiro effettuati nel corso del medesimo round (costui potrà ovviamente, laddove possibile effettuare altre azioni od abortire gli attacchi). Inoltre, nel suddetto caso, il personaggio che ha subito l'attacco non potrà utilizzare il colpo di combattimento generale "precisione nella mira" per evitare il random shot sui suoi successivi attacchi effettuati con armi da tiro nel medesimo round. Il personaggio che effettua l'attacco con l'arma da tiro, però, non sarà considerato come creatura ai fini dell'applicazione delle regole sul random shot quando effettui i suoi attacchi contro una creatura che si trova in corpo a corpo con lui. Devi ribadirsi che tali penalità saranno applicate ogni singolo round di combattimento solo qualora gli attacchi degli avversari in corpo a corpo giungano prima dell'attacco di chi vuole utilizzare l'arma da tiro. Infine, si noti che, laddove non diversamente specificato, nessuna di queste penalità sarà applicata nel caso di utilizzo di armi da lancio, di attacchi ad essi equiparati o di attacchi a distanza realizzati attraverso incantesimi che richiedano il tiro per colpire.     

Precisione della Mira (Random Shot)

Quando una creatura scaglia un proiettile con un arma da tiro oppure scaglia un'arma da lancio od utilizza un altro attacco a questi assimilabile vi è una certa possibilità che il colpo, viaggiando, devi e colpisca una creatura diversa da quella prescelta. Ciò per un diverso numero di ragioni, si pensi ad esempio alla deviazione dovuta agli agenti atmosferici od allo spostamento (relativo) della vittima e chi la circonda durante la traiettoria del proiettile. Per tale motivo quando un personaggio effettua tale attacco costui dovrà tirare un dado per determinare se il colpo è stato diretto verso la vittima designata oppure rischi di colpire una creatura che si trovi a distanza di corpo a corpo (entro 3 metri) dalla stessa. Questo tiro, quindi, deve effettuarsi solo qualora il bersaglio sia circondato da altre creature. Per verificare chi è stato colpito si consideri che esiste una possibilità di colpire ogni creatura tra il bersaglio e quella presente considerando i seguenti modificatori:
- Il bersaglio selezionato conterà come due creature.
- Tra le creature presenti quelle di taglia superiore conteranno come una creatura in più per ogni taglia di differenza rispetto alle altre.
Quindi, una volta determinata con tale metodo e per ogni attacco quale è la creatura colpita chi ha effettuato l'attacco dovrà effettuare i relativi tiri per colpire contro costei

È possibile evitare questa possibilità di colpire una creatura diversa da quella selezionata utilizzando il colpo di combattimento generale PRECISIONE NELLA MIRA [link].

Esempio di applicazione delle regole precedenti: Immaginiamo che un arciere voglie scagliare due frecce contro un avversario di taglia medium che abbia, in zona di corpo a corpo, altre due creature di taglia medium (è irrilevante se siano ostili o amiche). Orbene l'arciere avrà 2 possibilità di colpire il bersaglio designato, 1 possibilità di colpire la prima creatura a questo vicina ed 1 possibilità di colpire la seconda creatura a questo vicina. Tirerà, dunque, per ogni freccia 1d4 per determinare la creatura colpita e su questa effettuerà il relativo tiro per colpire. Per effettuare un diverso esempio, immaginiamo che un arciere voglie scagliare due frecce contro un avversario di taglia large che abbia, in zona di corpo a corpo, altre due creature di taglia medium ed una di taglia large. Orbene l'arciere avrà 3 possibilità di colpire il bersaglio designato, 2 possibilità di colpire la creatura di taglia large ed 1 possibilità di colpire ognuna delle creature di taglia medium (per un totale di 2 possibilità). Essendo, dunque, le possibilità 7 costui tirerà 1d8 per ogni freccia: con 1-3 colpirà il bersaglio designato, con 4-5 colpirà  la creatura di taglia large, con 6 colpirà  la prima creatura di taglia medium, con 7 colpirà  la seconda creatura di taglia medium e con 8 ripeterà il tiro.